Temnothorax pastinifer

Every Ant Tells a Story - And Scientists Explain Their Stories Here
Jump to navigation Jump to search
Temnothorax pastinifer
Scientific classification
Kingdom: Animalia
Phylum: Arthropoda
Class: Insecta
Order: Hymenoptera
Family: Formicidae
Subfamily: Myrmicinae
Tribe: Crematogastrini
Genus: Temnothorax
Species: T. pastinifer
Binomial name
Temnothorax pastinifer
(Emery, 1894)

Temnothorax pastinifer casent0901798 p 1 high.jpg

Temnothorax pastinifer casent0901798 d 1 high.jpg

Specimen Labels

Synonyms

Wheeler (1931) reports this species has been observed nesting in soil under stones or leaves and, in the Bahamas (Wheeler 1905), "found running over the ground under some dead palmetto leaves on a key in Crawl Creek."

Identification

Readily distinguished by the petiole; petiole in side view with a roughly linear dorsal outline of the anterior peduncle and a node with a concave anterior face.

Distribution

Distribution based on Regional Taxon Lists

Neotropical Region: Bahamas (type locality), Cuba, Greater Antilles.


Distribution based on AntMaps

AntMapLegend.png

Distribution based on AntWeb specimens

Check data from AntWeb

Biology

Castes

Nomenclature

The following information is derived from Barry Bolton's New General Catalogue, a catalogue of the world's ants.

  • pastinifer. Macromischa pastinifera Emery, 1894c: 164, pl. 1, fig. 18 (w.) BAHAMAS. Mann, 1929: 161 (q.m.). Combination in Leptothorax: Baroni Urbani, 1978b: 470; in Temnothorax: Bolton, 2003: 271. Senior synonym of opacipes: Smith, M.R. 1954c: 6; of lucayensis: Baroni Urbani, 1978b: 471; of pastoris: Fontenla Rizo, 1997a: 51.
  • lucayensis. Macromischa lucayensis Forel, 1901e: 340 (w.) BAHAMAS. Junior synonym of pastinifer: Baroni Urbani, 1978b: 471.
  • opacipes. Macromischa pastinifera var. opacipes Wheeler, W.M. 1905b: 96, fig. I (w.) BAHAMAS. Junior synonym of pastinifer: Smith, M.R. 1954c: 6.
  • pastoris. Leptothorax pastoris Baroni Urbani, 1978b: 475 (w.) CUBA. Junior synonym of pastinifer: Fontenla Rizo, 1997a: 51.

Unless otherwise noted the text for the remainder of this section is reported from the publication that includes the original description.

Baroni Urbani (1978) - Specie molto caratteristica per il peziolo a nodo anteriormente concavo. Questo carattere la avvicina ad alcune poche altre forme che costituiscono un gruppo di specie molto omogeneo, ma pastinifer e separabile da tutte per numerosi dettagli morfologici e microsculturali e, in primo luogo, anche semplicemente per la taglia maggiore nella maggior parte dei casi. La femmina descritta da Forel come lucayensis corrisponde talmente bene in tutti i dettagli cromatici, strutturali e microsculturali con la femmina di pastinifer raccolta a South Bimini assieme alle operaie, che la sua cospecificita con quest'ultima appare banale. Solo il postpeziolo dell'olotipo di lucayensis e me no fortemente punteggiato che nella femmina delle Bahamas ed anche le misure relative si scostano in modo ahbastanza evidente, ma le stesse operaie di South Bimini mostrano una variabilita cosl elevata per questo carattere che mi sembra del tutto inopportuno mantenere separati i due taxa. Lo stesso Forel, che non conosceva pastinifer che tramite la letteratura, ebbe a dubitare di questa sinonimia al momenta di descrivere lucayensis. Le operaie da me esaminate mostrano una notevole variabilita nella taglia, nel colorito e nella microscultura. Gli estremi a me noti di questa variabilita sono gia stati menzionati nella descrizione precedente.

Description

Worker

Baroni Urbani (1978) - Capo poco allungato a lati poco tondeggianti ed occipite diritto. Angoli posteriori arrotondati. Clipeo a bordo anteriore debolmente convesso ed in forma di curva continua. Scapo lungo e snello, oltrepassante considerevolmente il margine occipita le ripiegato all'indietro. Occhi situati a meta dei lati del capo, abbastanza piccoli e sporgenti sul profilo. Mandibole armate di cinque denti appuntiti con i due distali piu sviluppati degli altri. Alitronco a profilo superiore in forma di curva continua non molto pronunciata tra il pronoto ed il propodeo. Pronoto largo e piatto, con il diametro massimo all'altezza degli omeri che sono molto arretrati e sfuggenti. Sutura promesotoracica marcata sulle pleure e, in taluni esemplari, continuantesi anche nella regione dorsale come deb ole impressione ed interruzione della scultura. Una debole traccia di sutura mesoepinitale visibile ventralmente sui lati. Propodeo a faccia basale che forma con quella discendente un angolo di poco superiore a 90°. Spine propodeali lunghe, diritte e non molto divergenti, a decorso orizzontale; la loro distanza tra gli apici circa eguale alla lunghezza massima. Incavo sottospinale pianeggiante. Peziolo lungamente peduncolato, sormontato da un nodo squamiforme alto e largo a faccia anteriore marcatamente concava e faccia posteriore convessa. La larghezza massima della squama circa a meta della sua altezza. Postpeziolo breve e campaniforme, a convessita dorsale molto marcata. Gastro ad angoli anteriori ristretti. Zampe allungate senza femori ingrossati. Capo ed alitronco interamente rivestiti da minuta zigrinatura reticolare abbastanza profonda. Zampe ed antenne analogamente zigrinate, ma in modo meno profondo. La zigrinatura ricompare poi anche sul peduncolo addominale attenuandosi notevolmente in direzione caudale, tanto da essere poco evidente sul nodo del peziolo e quasi impercettibile sul postpeziolo, mentre il gastro e liscio. Su taluni esemplari questa struttura, talora orientata in cordoni sull'alitronco, e l'unica appariscente, mentre, altri, presentano, sovrapposta alla zigrinatura, una striatura longitudinale abbastanza evidente che puo interessare tutta la superficie superiore del capo e dell'alitronco. Mandibole semplicemente striate in senso longitudinale. Colorito varia bile da giallo carico a rosso o bruno all'interno della stessa serie. Di regola, le antenne, le zampe, la sommita del nodo del peziolo, il postpeziolo, le spine propodeali ed il gastro, sono piu scuri del resto del corpo o neri. Tutte le superfici corporee debolmente lucide. Brevi peli troncati bianchicci, eretti o suberetti, sparsi su quasi tutta la superficie corporea, piu coricati sul gastro e molto piu esili, brevi e adpressi sulle appendici.

Lunghezza totale 2,7-3,5 mm

Dimensioni in mm ed indici: Lc 0,57-0,84; lc 0,46-0,67; Lsc 0,60-0,88; Lp 0,32-0,45; ap 0,24-0,38; lp 0,22-0,36; Lpp 0,15-0,25; lpp 0,34-0,42; IC 86,21-92,85; ISC 87,50-100,00; IAP 63,88-83,87; IP 69,23-93,55; IPP 150,00-250,00; IPA 66,67-93,33.

Queen

Baroni Urbani (1978) - Capo allungato con i lati quasi diritti e convergenti in avanti. Occipite diritto, passante nei lati del capo con un angolo molto ampio ed arrotondato. Occhi grandi, situati leggermente in avanti alla meta dei lati del capo. Ocelli equidistanti, situati alla sommita della fronte e poco rilevati. Area fontale piccola e poco impressa. Antenne a scapo lungo: ripiegato all'indietro esso oltrepassa ampiamente il margine occipitale. Alitronco globoso, a disco del mesonoto appiattito ed a profilo interamente diritto. Scutello debolmente gibboso e discendente. Propodeo a faccia bas ale brevissima ed inclinata, quasi interamente mascherata dalle spine, lunghe ed orizontali. Faccia discendente debolmente concava, formante un angolo retto con il profilo superiore delle spine. Spine appuntite, a base distanziata ed a decorso quasi parallelo: la distanza tra gli apici e pari a circa due volte la loro espansione massima. Peziolo piu brevemente peduncolato che nell'operaia, ma sormontato da un nodo analogamente squamiforme e concavo anteriormente. Postpeziolo trasverso, molto piu largo del peziolo e sormontato da un nodo alto articolato per tutta la sua superficie posteriore alla base del gastro. Microscultura reticolare analoga a quella dell'operaia ed egualmente diffusa ma piu superficiale. Capo striato longitudinal mente, soprattutto sulla fronte, tra gli ocelli e l'area frontale. Clipeo solo striato e quasi del tutto privo di zigrinatura. Alitronco dorsalmente con striatura longitudinale sovrapposta alla zigrinatura su tutto il disco del mesonoto e sullo scutello. Propodeo con la zigrinatura orientata in cordoni trasversali. Sommira del nodo peziolare e postpeziolo ancora zigrinati in modo abbastanza vistoso. Colore dominante rosso bruno con macchie piu scure sulla sommita del capo, in avanti e sui lati del mesonoto, nella parte posteriore dello scutello, sul postscutello e sulla sommita dei nodi del peduncolo. Gastro bruno scuro con una fascia gialla tra il primo ed il secondo tergo. Zampe ed antenne bruno scure. Ali ialine. Tutto il tegumento abbastanza lucido. Pelosita come nell'operaia.

Lunghezza totale 4,4-4,6 mm.

Dimensioni in mm ed indici: Lc 0,85-0,86; lc 0,74-0,80; Lsc 0,66-0,85; Lp 0,44-0,52; ap 0,31-0,37; lp 0,27-0,31; Lpp 0,20-0,21; lpp 0,48-0,51; IC 86,05-94,12; ISC 94,12-112,12; IAP 70,45-71,15; IP 59,61-61,36; IPP 240,00-242,86; IPA 56,25-60,78.

Male

Baroni Urbani (1978) - Capo a contorni continuamente tondeggianti interrotti soltanto dagli occhi molto sviluppati ed aggettanti e situati anteriormente. L'occipite passa nei lati del capo senza formare un angolo percettibile. Bordo anteriore del clipeo appena debolmente prominente. Mandibole a margine masticatorio largo armato di cinque denti aguzzi e spaziati. Antenne a scapo breve: ripiegato all'indietro esso oltrepassa di poco il bordo posteriore dell'occhio ma non raggiunge il margine occipitale. Area frontale piccola e profondamente impressa. Alitronco a profilo dorsale irregolarmente gibboso a massima aggettanza in corrispondenza del terzo craniale del mesonoto e dello scutello. Lo scutello, posteriormente, sopravanza quasi del tutto il propodeo. Scudo del mesonoto attraversato nella meta anteriore della sua lunghezza da una profonda linea mediana. Notaulici brevi e larghi. Solehi ,parapsidali indistinti. Scutello circa cosl lungo che largo. Propodeo inerme e semplicemente tondeggiante sul profilo; faccia basale circa due volte piu corta di quella discendente e formante, con essa, un angola di circa 130°. Peziolo brevemente peduncolato e sormontato da un no do abbastanza grosso ma a faccia anteriore fortemente declive. Postpeziolo larghissimo ed in forma di coppa. Gastro anteriormente troncato, ma articolato per quasi tutta la sua larghezza con il postpeziolo. Zampe lunghe ed esili. Brevi peli bianchicci ad apice troncato, suberetti o subdecumbenti sparsi soprattutto sul capo e sul gastro, piu rari ed in parte sostituiti da pubescenza coricata sull'alitronco. Zampe ed antenne rivestite da minutissima pubescenza biancastra piu esile e piu coricata. Mandibole liscie e lucide. Clipeo ed area frontale striati longitudinalmente. Resto del capo pure striato longitudinalmente, ma alla striatura e sovrapposta una punteggiatura fitta e non troppo impressa. Alitronco in gran parte liscio e lucente, ma con punteggiatura analoga a quella del capo e piu superficiale, evidente tra i notaulici e sulla porzione mediale del disco del mesonoto, sul pronoto, su parte delle pleure, sul propodeo e soprattutto sullo scutello dove e piu fortemente impressa e sovrapposta a debole striatura longitudinale percettibile. Rimanenti superfici piu o me no interamente liscie e lucide. Colore del corpo fondamentalmente bruno con le aree prive di punteggiatl}ra piu chiare e lucidissime. Zampe ed antenne bianche con la clava appena pigmentata. Ali diafane a nervature e pterostigma quasi indistinguibili.

Lunghezza totale 2,6 mm

Dimensioni in mm ed indici: Lc 0,55; lc 0,47; Lse 0,21; Lp 0,34; ap 0,14; lp 0,13; Lpp 0,16; lpp 0,31; IC 85,71; ISC 225,00; IAP 42,31; IP 38,46; IPP 200,00; IPA 41,67.

Type Material

Baroni Urbani (1978) - HAITI (?): Una 2 senza localita ne data (olotipo di lueayensis Forel, Musee d'Histoire Naturelle Genève). Questo esemplare porta un primo cartellino a stamp a «Bahamas » che corrisponde alla localita indicata nella descrizione originale, mentre, un secondo cartellino, scritto di pugno del Forel, porta la scritta M.lucayensis / Forel / type unique / Haiti SCHMITT. Nel lavoro in cui questa specie viene descritta si cita numeroso altro materiale raccolto dallo Schmitt ad Haiti, ma nessuno proveniente dalle Bahamas. Per questo motivo, l'origine haitiana di questa femmina, che e geograficamente plausibile, mi sembra almeno equiprobabile a quella della Bahamas finora citata in letteratura.

References

  • Baroni Urbani, C. 1978b. Materiali per una revisione dei Leptothorax neotropicali appartenenti al sottogenere Macromischa Roger, n. comb. (Hymenoptera: Formicidae). Entomol. Basil. 3: 395-618 (page 470, Combination in Leptothorax; page 471, Senior synonym of lucayensis)
  • Bolton, B. 2003. Synopsis and Classification of Formicidae. Mem. Am. Entomol. Inst. 71: 370pp (page 272, Combination in Temnothorax)
  • Emery, C. 1894d. Studi sulle formiche della fauna neotropica. VI-XVI. Bull. Soc. Entomol. Ital. 26: 137-241 (page 164, pl. 1, fig. 18 worker described)
  • Fontenla Rizo, J. L. 1997b. Notas y sinónimos nuevos de Leptothorax (Hymenoptera: Formicidae) de Cuba. Avicennia 7: 47-53 (page 51, Senior synonym of pastoris)
  • Mann, W. M. 1929. Notes on Cuban ants of the genus Macromischa (Hymenoptera: Formicidae). Proc. Entomol. Soc. Wash. 31: 161-166 (page 161, queen, male described)
  • Smith, M. R. 1954c. Ants of the Bimini Island Group, Bahamas, British West Indies (Hymenoptera, Formicidae). Am. Mus. Novit. 1671: 1-16 (page 6, Senior synonym of opacipes)
  • Wheeler, W. M. 1905c. The ants of the Bahamas, with a list of the known West Indian species. Bull. Am. Mus. Nat. Hist. 21: 79-135
  • Wheeler, W. M. 1931b. New and little-known ants of the genera Macromischa, Creosomyrmex and Antillaemyrmex. Bulletin of the Museum of Comparative Zoology. 72:1-34.